Newsletter  

Walter CivettiniWalter Civettini è considerato uno dei jazzisti italiani più interessanti della sua generazione. Diplomatosi in tromba al Conservatorio "Bomporti" di Trento, ha studiato per tre anni in Svezia, seguito dal maestro Bo Nilsson; si è esibito in un considerevole numero di orchestre jazz di alto livello, tra cui, recentemente, la Downtown Big Band di Amburgo, in cui ha suonato assieme a Clarke Terry. Ha proseguito i suoi studi con Marvin Stamm, Bobby Shew e Kyle Gregory negli USA, presso la University of North Colorado, dove ha vinto una borsa di studio. Brillantissimo secondo posto nel 1992 al prestigioso Concorso International Trumpet Guild Competition, svoltosi a Rotterdam, ha poi collaborato a edizioni discografiche, trasmissioni televisive ed innumerevoli concerti. E' stato recensito molto positivamente da riviste internazionali come ITG Journal e Brass Bulletin.

 

Stefano Rafaelli 3Dopo aver svolto studi classici per dieci anni, studia improvvisazione per il triennio 1987/89 con Franco D'Andrea al Centro Professione Musica di Milano. L'anno seguente frequenta un master di specializzazione con il contrabbassista Dave Holland ed il batterista Jan Christensen. Nel 90 si perfeziona piano-jazz con Mike Melillo alla Jazz University di Terni. Nel corso del 1991 frequenta un seminario della Manhattan School of Music di New York, guidato dal pianista Harold Danko e dal trombettista Lew Soloff. Negli ultimi anni ha suonato in Italia, Austria, Germania e Francia con musicisti (e amici) quali Tino Tracanna, Bruno De Filippi, Alberto Nacci, Rosalynn Robinson, Davide Di Gregorio, Stefano Colpi, Flavio Zanon, Walter Civettini, Gianni Basso, Rudi Migliardi, Fiorenzo Zeni, Miki Loesch, Helga Plankesteiner, Nicola Fazzini, Enrico Tommasini, Beppe Pilotto, Irio De Paula, Francesco Bearzatti, Stefano Bertoli, Roman Hinteregger, Peter Paul Hoffmann, Luis De La Crus, Stefano Menato, Alan Farrington, Gilson Silveira, Franco Testa e molti ancora. Si dedica inoltre ad arrangiamenti in ambito pop e sonorizzazioni per documentari, video e CD ROM interattivi. Nel 1995 esce "People", il suo primo disco, per l'etichetta indipendente Erga. Dal 1997 collabora con l'etichetta milanese Halidon per la quale produce vari progetti nu-jazz e chillout ("Nomads", "The secret of Ra"). Per la stessa etichetta esce nel corso del 2002 il disco a nome " Cimarosa Collective", progetto elettronico realizzato in collaborazione con il d.j. Marcello De Angelis e numerosi musicisti provenienti da esperienze e contesti diversi. Dal 2003 collabora con il canale satellitare SKY TV. Nel 2004 inizia la collaborazione artistica con la label indipendente Self-Mediane per la quale produce "Divo Italiano"(2006) e "Songs to Remember" (2007). Nel febbraio 2009 pubblica "Malastrana", disco in piano solo ("Splasch Records"). Dal 1994 responsabile della Sezione Musica del Centro Didattico Musicateatrodanza di Rovereto(TN). Docente presso la stessa scuola per i corsi di Pianoforte Jazz e per i laboratori di Arrangiamento e Software. Dal 2007 è Direttore Didattico per i tre settori Musica, Teatro e Danza. All'attività di musicista affianca la passione per l'arte pittorica contemporanea che lo porta a produrre ed esporre regolarmente i propri lavori in Italia.

 

Mirko Pedrottidiplomato nel 2007 in percussioni presso il Conservatorio "F. A. Bonporti" di Trento, si è successivamente specializzato con il massimo dei voti presso il Conservatorio di musica “Evaristo Felice Dall’Abaco” di Verona con  Saverio Tasca. Nel marzo 2013 ha conseguito la Laurea in Musica Jazz al Conservatorio di Trento sotto la guida di Roberto Cipelli e Robert Bonisolo. 

Ha collaborato con diverse orchestre e teatri nazionali tra i quali Orchestra dell’Arena di Verona (VR), Orchestra Haydn (BZ), Orchestra Regionale Toscana (FI), Orchestra I Pomeriggi Musicali (MI) ecc… ed ha ottenuto nel 2012 l’idoneità come percussionista presso il Teatro alla Scala di Milano.

Ha sempre associato lo studio accademico a quello della musica moderna, frequentando numerosi seminari e corsi in tutta Italia, perfezionandosi con i maestri: Dave Samuels, Saverio Tasca, Andrea Dulbecco, Edoardo Giachino, Leigh Howard Stevens, Mike Quinn, David Searcy, Giorgio Zanier.

Negli ultimi anni si è dedicato intensamente alla composizione, sviluppando un linguaggio musicale in grado di attingere alla tradizione classica del ‘900 (soprattutto per quel che concerne l’aspetto ritmico) per poi rimodularsi in uno stile personale underground.

 

PequodBand composta da Federico Robol: bass flute, soprano sax Luca Santini: cornet Massimo Valentinotti: acoustic guitar Antonio Bertoni: double bass, cello

Quartet based in Rovereto. Improvisation, extended techniques and the use of personal methods for composing are the elements that shape their sound.

Come genere musicale si definiscono "altro"

 

candiruCandiru' è la nuova band di Iacopo Candela . viene dall'esperienza folk rock in trio dei Wooden Collective. I Candiru' si differenziano dal precendente progetto per l'utilizzo dell'italiano per le liriche e per l'eliminazione del contrabbasso: la band suona in acustico, con chitarra che accompagnano la splendida voce di Iacopo.

Cantautore e chitarrista di nome Iacopo Candela. Candirù incastra sonorità acustiche a testi densi per raccontare le atmosfere da fiaba calate nei contesti del quotidiano.